Cestino

Il tuo cestino è vuoto

Continua i tuoi acquisti
Liquid error: Error in tag 'section' - 'rich-text-produit-1' is not a valid section type Liquid error: Error in tag 'section' - 'rich-text-produit-2' is not a valid section type

Scienza

Butyrin (Tri-Butyrate)

Butyrin è un trigliceride di acido grasso a catena corto, butirrato (a volte chiamato acido butirico o acido butanoico). Butyrin compone dal 3 al 4% del burro e contiene tre molecole butirrato. Gli acidi grassi a catena corta (acetato, propionato e butirrato) sono prodotti nell'intestino durante la digestione delle fibre e i carboidrati.

Butyrate è la principale fonte di energia per cellule epiteliali dell'intestino tenue e del colon (colonociti).

Butyrate contribuisce al corretto funzionamento delle cellule intestinali, migliorare il transito e regolare la microbitata intestinale.

Quali sono gli acidi grassi a catena corta (AGCC)?

Il 90 -95% degli acidi grassi a catena corta presente nel colon è acido acetico (C2), acido propionico (C3) e acido butirico (C4). Questi sono metaboliti "postbiotici" derivati ​​dalla microbitata.

In effetti, questi acidi grassi sono prodotti nell'intestino durante la digestione delle fibre e dei carboidrati.

L'epitelio del colon consuma acido quasi interamente buyric, la principale fonte di energia dei colonociti.

L'acido acetico e l'acido propionico passano nel sangue (vena della porta) e sono utilizzati come precursori nel fegato o nei tessuti periferici per la gluconeogenesi e la lipogenesi epatica.

Acidi grassi a catena corta (AGCC): metaboliti microbitata

I batteri che colonizzano il tratto digestivo, specialmente il colon, si nutrono dei prebiotici che consumiamo di riprodursi. I prebiotici sono solitamente composti da zuccheri a catena corta (oligosaccaridi e polisaccaridi), ma che sono essenziali per la microbitata intestinale.

In effetti, queste fibre sono trasformate dalla microbitata in AGCC. Tra questi, ilButyrate.Gioca un ruolo chiave per la fisiologia intestinale perché è una delle fonti di carbonio preferite delle cellule epiteliali del colon. Nessun Butyrate, queste cellule sarebbero in "carenza" energica. (Scopri di più sugli effetti clinici del Butyrate)

È un esempio della simbiosi tra l'umano e i batteri: le prime forniture ai suoi batteri in fibra che, in cambio, trasformulandoli in fonte di carbonio per cellule epiteliali. (Butterfly 1999)

Quali batteri trasformano le fibre Butyrate?

Sono stati identificati diversi batteri che trasformano fibre Butyrate sono state identificate: Anaerostipes spp. (A, L), Catus Catus (A), Eubactterium Rettale (A), Eubacterium Hallii (A, L), Fedibacterium Prausnitzii (A), Roseburia SPP. (A) (Canani 2011, Koh 2016)

Qual è la relazione tra Butyrate e Microbiota? Come aumentare il suo tasso di Butyrate?

I CGCC sono prodotti durante la fermentazione del colon da parte dei batteri dei residui cellulosici e amido digerito incompleto. La quantità di AGCC prodotta da questo processo di fermentazione dipende quindi dal tipo di fornitura di individui e dal pool batterico mantenuto all'interno del colon.

Il basso consumo prebiotico o l'assunzione di antibiotici diminuisce la produzione di GACC, soprattutto Butyrate.

Liquid error: Error in tag 'section' - 'rich-text-produit-10' is not a valid section type Liquid error: Error in tag 'section' - 'rich-text-produit-3' is not a valid section type Liquid error: Error in tag 'section' - 'rich-text-produit-11' is not a valid section type Liquid error: Error in tag 'section' - 'rich-text-produit-12' is not a valid section type

FAQ

UNA DOMANDA ?

  • È un prodotto sicuro?

    L'acido butirico è un metabolite di fermentazione della fibra è considerato molto sicuro.
    In uno studio clinico con i pazienti con malattia di Crohn, prendendo per 8 settimane, due volte 2 grammi al giorno (4 G) è stato ben tollerato e considerato sicuro.

    Di Sabatino A, Morera R, Ciccocioppo R, Cazzola P, Gotti S, Tinozzi FP, et al. Butyrate orale per moderatamente la malattia di Crohn moderatamente attiva. Pharmacol meher 2005; 22 (9): 789-94.

  • Perché prendere buttini durante un pasto?

    I butycaps contiene i trigliceridi del butyrin (tributarina) e i lipidi per la microincapsulazione. È quindi preferibile prendere buttycaps durante un pasto per facilitare la digestione (produzione di enzimi bile e pancreatici) e l'idrolisi dei trigliceridi di acido grasso (acido butirico).

  • Qual è la differenza tra Butyrate e Probiotici o prebiotici?

    I prebiotici sono sostanze non digeribili che servono come substrato alla flora del colon. (Oligosaccaridi e polisaccaridi a catena corta)

    I probiotici vivono microrganismi viventi (batteri o lieviti). Stiamo parlando di flora intestinale (o microbitata intestinale), cioè tutti i microrganismi (ad arco, batteri, eucarioti) che sono nel tratto digestivo. Questo include quindi i batteri dell'intestino e quelli dello stomaco. La flora intestinale è un buon esempio di mutualismo: cooperazione tra diversi tipi di organismi che coinvolgono un vantaggio per tutti. L'acido butirrico (Butyrate) è prodotto dalla microbitata intestinale dalle fibre. La sua produzione è amplificata da agenti prebiotici (fibre solubili).

  • I buycaps contengono lattosio?

    I butycaps non contengono lattosio.

  • Qual è la differenza tra Butyrate e Glutammina?

    La glutammina è un amminoacido che agisce come un nutriente molto importante per vari organi e tessuti, come i muscoli, le cellule immunitarie e le cellule intestinali.

    Si dice che si tratta di un aminoacido essenziale di determinate condizioni: in caso di stress metabolico, ad esempio, il suo consumo è molto alto dalle cellule del sistema immunitario. Questo è il motivo per cui, in queste situazioni, è consigliabile fornire un supplemento di glutammina.

    Anche la glutammina è interessante per l'intestino perché quando c'è uno stress metabolico, alcuni organi consumano la glutammina in grandi quantità e crea un deficit a livello intestinale, che causa un aumento della permeabilità intestinale.

    La differenza fondamentale è che il Butyrate è un nutriente specifico dell'intestino, mentre la glutammina è un nutriente dell'intestino, ma anche molti altri organi e tessuti.

    Pertanto, in modo che la glutammina abbia un effetto sull'intestino, sono necessarie quantità molto grandi.

    D'altra parte, Butyrate e Glutammina sono più sinergici dei concorrenti.

Liquid error: Error in tag 'section' - 'rich-text-produit-13' is not a valid section type